Prof. STEFANO MARIA CICCONETTI

QualificaProfessore Emerito
Telefono0657332532
Emailstefanomaria.cicconetti@uniroma3.it
IndirizzoVia Ostiense 161
Struttura/Afferenza
  • Dipartimento di Giurisprudenza
Altre informazioniCurriculum
foto profilo
Qualora le informazioni riportate a lato risultino assenti, incomplete o errate leggi le seguenti istruzioni
Per telefonare da un edificio dell'Ateneo all'altro SE il numero unico inizia con "06 5733xxxx" basta comporre le ultime quattro cifre del numero esteso.

Profilo INSEGNAMENTI Prodotti della ricerca Avvisi Ricevimento e materiale didattico

Profilo

Titoli e cariche

  • ­STEFANO MARIA CICCONETTI, nato a Roma il 13.1.1940, si é laureato in giurisprudenza nell'Università di Roma “La Sapienza” con 110/110 e lode, discutendo una tesi in Di­ritto costituzionale intitolata "La continuità dello Stato in caso di rivoluzione".
  • Vincitore di due borse di studio e di ricerca per gli anni accademici 1963-64 e 1964-65, nel 1969 viene abilitato all'unanimità  alla libera docenza in Diritto costituzionale e nel 1966 risulta vincitore di un concorso per funzionario parlamen­tare bandito dalla Camera dei deputati, ove presta servizio fino all'1.2.1985.
  • Negli anni accademici 1970-71 e 1971-72 é incaricato del­l'insegnamento di Diritto costituzionale italiano e comparato nel­­la Fa­­coltà di Scienze politiche dell'Università di Catania; negli anni accademici 1972-73 e 1973-74 é incaricato del­l'in­se­gnamento di Diritto parlamentare nella Facoltà di Scienze politi­che dell'Università di Genova; dall'anno accademico 1974-75 é in­caricato stabilizzato dell'insegnamento di Istitu­zioni di di­ritto pubblico nella Facoltà di Economia e commercio dell'Uni­versità di Perugia.
  • Vincitore del concorso a posti di professore universitario di prima fa­scia (Gruppo n. 11; prima materia Diritto pubblico generale) ban­dito con D.M. 30 giugno 1979, viene chiamato nell'anno accademico 1980-81 dalla Facoltà di Economia e commercio dell'Università di Perugia (cattedra di Istituzioni di diritto pubblico), ove prende servi­zio come professore di ruolo il 3.2.1985. Viene nomi­nato profes­sore ordinario con D.M. 23.1.89.
  • Il 16.11.94 viene chiamato alla cattedra di Diritto costituzionale nella Facoltà di Giurisprudenza della Università degli Studi “Roma Tre”, dove insegna Diritto costituzionale (Prima Cattedra A-D) e Diritto parlamentare.
  •  Dal 10 novembre 1998 al 31 dicembre 2005 ha ricoperto la carica di Direttore del Dipartimento di Studi giuridici della Università Roma Tre.
  • Collocato a riposo per raggiunti limiti di età il 31.10.2012, il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, previa deliberazione unanime della Facoltà di Giurisprudenza, gli confersce il titolo di “Professore Emerito” con Decreto ministeriale del 25.7.2013.
  • Collabora a numerose riviste giuridiche, tra le quali “Giurisprudenza costituzionale”, “Giurisprudenza italiana”, “Rivista trimestrale di diritto pubblico”, “Diritto e società”, “Politica del diritto”. Ha trascorso in passato periodi di studio e di ricerca a Stoccolma, Vienna e Berlino. Ha tenuto seminari nella Università “Parigi 8 St. Denis” di Parigi; nelle Università “Esade” e “Autonoma” di Barcellona; nella Università “UNED” di Madrid. Nel novembre 2007, su invito di professori brasiliani, ha svolto relazioni sui temi dei diritti sociali e della revisione costituzionale in tre congressi svoltisi a Brasilia, Torres e Rio de Janeiro, nonché conferenze presso le Università Luterana e Pontificia di Porto Alegre e la Escola Superior da Magistratura dello Stato del Rio Grande do Soul.
  • E’ stato responsabile, per la parte italiana, della Azione integrata Italia- Spagna, svoltasi dal 2003 al 2006, relativa al progetto di ricerca “La Costituzione europea. Struttura e formazione dell’ordinamento giuridico comunitario e impatti sugli ordinamenti degli Stati membri, con particolare riguardo all’Italia e alla Spagna”.

Ricerca

I suoi interessi scientifici vertono soprattutto sui temi della teoria generale, delle fonti del diritto e della giustizia costituzionale, sia sotto il profilo del diritto italiano, sia del diritto comparato.