Ufficio per il processo: finanziato il progetto al Dipartimento di Giurisprudenza

Link identifier archive #link-archive-thumb-soap-13984
Ufficio per il processo: finanziato il progetto al Dipartimento di Giurisprudenza
Link identifier #identifier__173333-1Link identifier #identifier__40401-2
Con decreto del 5 gennaio 2022 il Ministero della Giustizia, all’esito di un bando dell’agosto 2021, ha individuato i 6 progetti sull’Ufficio per il processo vincitori. Fra questi vi è anche quello presentato da una cordata delle Università del Lazio (Università degli Studi Roma Tre, Sapienza, Tor Vergata, Tuscia e Cassino), della Toscana (Università di Firenze, Pisa, Siena e le Scuole Sant’Anna di Pisa e IMT di Lucca) e dell’Umbria (Università di Perugia) ed al quale ha partecipato il Dipartimento di Giurisprudenza per conto dell’Università degli Studi Roma Tre.

Il progetto riceverà un finanziamento ministeriale di 8 milioni di euro per contribuire a rendere la macchina della giustizia più moderna ed efficiente e per realizzare tre obiettivi fondamentali:
- Istituire e potenziare presso i tribunali l’Ufficio per il processo, destinato a supportare il lavoro dei giudici e dei cancellieri;
- Ridurre drasticamente gli arretrati giudiziari, così da garantire la ragionevole durata dei processi;
- Aggiornare la formazione universitaria, orientandola alle nuove esigenze delle figure professionali del comparto giustizia, incluse quelle legate all’innovazione tecnologica, all’individuazione di soluzioni green (con il superamento definitivo del cartaceo) e all’adozione di modalità intelligenti di riorganizzazione del lavoro.

Tutti i progetti ammessi al finanziamento saranno condotti in stretto raccordo con gli Uffici giudiziari di tutto il territorio nazionale e si inseriscono nel complesso delle linee di azione che il Ministero della Giustizia sta portando avanti per riformare e potenziare il sistema giudiziario anche in sinergia con gli interventi del PNRR.