Commissione paritetica docenti-studenti

La Commissione Paritetica docenti-studenti è organo costituito, con mandato biennale, come osservatorio sull’organizzazione e sullo svolgimento dell’attività didattica, del tutorato e di ogni altro servizio fornito agli studenti.
La Commissione Paritetica si compone di dodici membri, sei docenti e sei studenti, quattro dei quali iscritti ai corsi di studio, uno ai corsi di dottorato di ricerca e uno alla Scuola di specializzazione per le professioni legali.

La Link identifier #identifier__110869-1Commissione paritetica ha le funzioni di:

  • svolgere attività di monitoraggio dell’offerta formativa e della qualità della didattica, nonché dell’attività di servizio agli studenti da parte di professori e ricercatori;
  • formulare agli organismi competenti proposte dirette a migliorare la qualità e l’efficacia delle strutture didattiche e dello svolgimento della didattica;
  • provvedere al monitoraggio degli indicatori che misurano il grado di raggiungimento degli obiettivi didattici e formulare proposte in merito agli indicatori ritenuti idonei per la valutazione dei risultati delle attività didattico-formative e di servizio agli studenti;
  • svolgere attività divulgativa delle politiche di qualità dell’Ateneo nei confronti degli studenti;
  • segnalare eventuali anomalie riscontrate nello svolgimento di attività didattiche;
  • pronunciarsi in merito alla coerenza tra i crediti assegnati alle attività formative in relazione agli obiettivi formativi previsti;
  • esprimere pareri sull’attivazione e la soppressione di corsi di studio;
  • esercitare ogni altra attribuzione ad esse conferite dai regolamenti di Ateneo;
  • inviare al Senato Accademico , ai sensi dell’art. 19, comma 2 del Regolamento Generale di Ateneo, una relazione annuale relativa alle attività didattiche di propria competenza, con particolare riferimento alla qualità dell’offerta formativa attivata nell’ultimo anno accademico;
  • svolgere gli adempimenti di propria competenza nell’ambito delle procedure per l’autovalutazione, la valutazione periodica e l’accreditamento;
  • assolvere ogni eventuale ulteriore compito che le sia assegnato dagli organi centrali di governo dell’Ateneo nel rispetto delle norme statutarie.

 

admin 29 Maggio 2019